“CONVERSAZIONE A SCANZANO” – PROF. MARIA VERA SPERANZINI

0
259
Maria Vera Speranzini è un’ insegnante della scuola media statale G. Carducci ed è anche un’ appassionata di scrittura e di poesia. La Professoressa Speranzini “dipinge” con le parole il piccolo paese di Scanzano, usando i pennelli dell’amore per questo piccolo borgo, con sfumature degli indelebili colori dei ricordi e della nostalgia…
Oh, che stai a pensà?
Oh, non me fa preoccupà
Oh, com’è che non dici gniente
de sta situazione preoccupante?
De solito eri lu primu
in aria muvii sicuru lu ditu
dicenno che ero io che ‘nnio capito.
Eri sempre lì co’ lu giornale
prontu a commentare
occhiello, fondo, spalla
la notizia tocca raccontarla!
E te ce arrabbiavi
la capoccia scutij
anche se io cìo n’antra opinione
me entusiasmavo a la tua passione …
Oh, te prego, dimme che t’è successu
se molli tu, me sento un fesso…”
A lue, quillu che era statu mutu come un pesce
che parìa che manco l’arconoscesse :
“Se po’ sapè quistu chi è,
quistu da me che vole?
Non parla più manco nostro Signore
che l’emo fattu murì de crepacore
me so finitu, anch’io, come vidi, le parole…
Allora devo parlà io che non so niciunu
do stonno quilli ‘mpegnati, trovemene più de unu…
Coccu mia, mejo stasse zittu zittu
nun vidi che stemo su l’orlo de lu precipizio?
Ecco, non fa più addre domanne
che me so finitu, per rabbia, le risposte!
Non so tempi velli
stete attenti armeno a ‘sti fantilli
e che studiassero un po’ de storia
prima de fa a corse con la bboria!
PROF. MARIA VERA SPERANZINI