“LE CASE D’OGGHJI” – DI FULVIO CIROCCHI, POETA DIALETTALE FOLIGNATE

0
259

L’Autore della poesia è Fulvio Cirocchi che è stato anche direttore del mensile “Salire” ciclostilato a Belfiore di Foligno (dal 2006 al 2017). Il giornale Salire è nato nel 1944, durante la seconda guerra mondiale e dopo alternanze di interruzioni e ripartenze ha portato nei paesi limitrofi delle apprezzate notizie con altrettante piccole scenette in dialetto che regalavano un sorriso alle popolazioni di queste zone.

Fulvio Cirocchi ha scritto diversi “strambotti” ovvero dei brevi componimenti poetici, goliardici e simpatici in puro dialetto folignate.

È probbio ‘na reartà, ‘n ze po’ negalla:
le case d’ogghjijornu so’ assai vèlle ;
so” luminose, ampie, co’ sirvizzi

(ci sta probbio de tutto, ‘n manga coùlle):
terazzuni, telefuni, acqua calla,

ascenzori, citofuni, addri sfizzi.

Gi sta ‘n problema: muri e pavimenti
50’ fatti co” mattuni fini fini;
bai da st’attenti a fa’ li cumprimenti

perchè sentono tutto li vicini

E se pe’ caso séi ‘n po’ marducatu
c’hai da penza’ più de ducento vorte
a fa’ scappa’ “n remore screanzatu.

te putristi daéro pinti’ a morte.

No’ scrocchia la ‘nzalata co’ li denti!

No’ ‘rsuga la manestra co’ la vacca

Se tu quisti cunziji no’ li senti

Non piagne pe’ lu nome che te tocca!

Se co la moje c’jai ‘ ragionamento

No’ le poli fà pù como ‘na vorta

Lu jornu d’ogghji sai como hai da fà?

Hai d’attaccà ‘ncartéllu su la porta

Do ce scrivi: scusatece ‘n momento

Semo jiti ‘n cambagna e litigà!

                                                                                                FULVIO CIROCCHI


Seguici anche su: