PAROLE COME VELE AL VENTO – PROF.SSA MARIA VERA SPERANZINI

0
165
Mejo stasse zitti
mejo guarda’ co’ l’occhi fissi
ma stasse zitti
speciarmente quanno non cìai ragione
quanno era pioggia e no’ acquazzone
quanno era merenna e non cenone
quanno era oca e non pavone!
Quanno arcunti ‘ste baggianate
e cridi che so’ grandi pensate
quanno pensi che l’addra jente
è tutta deficiente
invece è solo un tantino più educata
de te, che lu rispetto non sai do sta de casa.
Allora è tempu de fa’ silenzio
magari un silenzio – assenso
come dicono li togati legislatori
li sommi, solenni oratori
perché bocca chiusa ne azzitta cento
e ringrazia Dio a cor contento
che te putia ghji pegghjio assae
che non se sa mae…
Putrìono sta’ zitti zitti
anche tutti quilli
che parlono senza conosce
che al massimo so’ porta-borse
che non se intendono de scienza
ciònno anche poca coscienza
non so’ ne’ medici, ne’ infermieri
manco OS, né barellieri…
non so’ architetti, né muratori
né capitani di nave, né armatori
non sonno fa’ li calcoli de un ponte
ma se cambia aria, so’ camaleonti
che pensono di sape’ tutto
senza neanche ave’ aperto mae un libro!
Ma queste mie so’ parole…vele al vento
se l’esperienza non t’è d’insegnamento
se pensi de parla’ perché ciài la bocca
senza mettece un po’ la capoccia!
PROF.SSA MARIA VERA SPERANZINI