GRANDE SUCCESSO A VESCIA PER LA 1° EDIZIONE DELLA “MIGLIOR PIZZA DI PASQUA AL FORMAGGIO”

0
326
La Giuria

IERI 7 APRILE 2023 SI E’ SVOLTA LA PRIMA EDIZIONE DELLA “MIGLIOR PIZZA DI PASQUA AL FORMAGGIO” ORGANIZZATA DALLA PRO LOCO DI VESCIA E SCANZANO PRESSO IL RISTORANTE “FICHETTO“; HANNO PARTECIPATO BEN 8 FORNI E 15 PRIVATI. L’ANONIMATO DI OGNI PIZZA PRESENTATA DINANZI ALLA PROFESSIONALE GIURIA, HA GARANTITO CHE TUTTO SI SVOLGESSE NELLA CORRETTEZZA PIU’ ASSOLUTA, INDICANDO CON UN SOLO NUMERO LE PIZZE ALL’ASSAGGIO DI GIUDIZIO. 

I vincitori per la categoria “Professionisti – Forni” sono stati:

1° – Amerigo Carni – Vescia
2° – Forno Pizzoniricetta Sara” – Vescia
3° – Conad – Sportella Marini – Foligno

La Giuria durante l’assaggio delle pizze

I vincitori per la categoria “Privati” sono stati:

1° – Sig.ra Raiola – San Paolo Foligno
2° – Sig.ra Maria de Martino – Vescia
3° – Gentile Nonna  abitante di Vescia – Uppello

Durante questo bell’evento sociale e culinario la Prof. Maria Vera Speranzini ha recitato una poesia, da lei scritta, dedicata a questa Pizza Pasquale che rappresenta storia e tradizione della gastronomia folignate.

Prof. Maria Vera Speranzini

Le  pizze de formaggio de Pasqua

Le donne se arzano prestu la mattina
quanno la Pasqua se avvicina.
La mattera pulita vicino a lu focolare
eccole che  se apprestano a fare.
Lu zinale biancu è immacolatu
lu vestito  co’ le maniche arrocciatu
che le vraccia so’ libere de impastare
e  le mano devono leste  aiutare.
La farina appena ritirata da lu mulino
lu lievito sciordu in un angolino
l’ova ritirate da lu patullu
messe in un cesto mai satullu
che servono non solo pe’ impastare
e pe’ lu prete che vene a benedire.
Lu formaggio grattugiato è parmigiano
ma ce se mette anche un po’ de romano
olio de la fascia nostra umbra  olivata
qualche pezzo de croviera non grattugiata
sale  e pepe appena  ‘na sfumata
che lo cacio la rende jà saporita!
Se prepara la massa infarinata
e  se aspetta che sia lievitata
…poi se ungono li umili contenitori
ma la pasta non deve scappa’ fori
basta che sia appena a metà 
che tanto deve  raddoppià!
Appoggiate tutte su la tavola de legno
coperte con la coperta de fustagno
una pentola co’ l’acqua calla
che je dà la spinta per levitalle.
Quanno tutto procede come Dio comanna
ecco, ecco è quaci  ora de infornalle!
Ma devi trattalle con  cura, me raccomando
e che se mantenga lu forno callu
a quella temperatura justa justa
che coce vene  e non abbrucia.
Quanno poi se colorono come un sole a lu  tramonto
eccoce è  quaci quaci tutto pronto!
Ce vole lu rusciu dell’ovo pe’ lucidare
un profumo favoloso da svenire!
Dopo che lu prete l’ha benedetta
poi magnalla a Pasqua o a Pasquetta !
E se un fiju te chiede de ‘ncumincialla?
” Non ce prova che te arria ‘na sberla!”
Anche se la mamma de nascosto
co la pasta, co’ un po’ de avanzo
ha preparato una  piccola pizzetta
per quel  figliolo o figlioletta!
Questa  è la pizza de formaggio de Scanzano
de Lavecia, Berfiore e  Ravignano
Ma Sanghiovanni lo vojamo nominare
mentre aspettamo la ricetta de Pale?
Buona Pasqua con benedizione
e con rinnovata devozione!