IL 18 MARZO 1981 DEBUTTAVA “QUARK” CON PIERO ANGELA

0
266

Piero Angela è morto nella notte tra il 12 e il 13 agosto all’età di 93 anni. Piu di 70 anni passati nel mondo dell’informazione come giornalista, direttore di telegiornale e poi ideatore e conduttore di programmi di enorme successo. Il primo suo gioiello si chiama Quark – poi diventato SuperQuark nel 1995 con una durata maggiore ed in prima serata.

Era il 18 marzo 1981 e il programma andò in onda nella seconda serata del mercoledì sera su Rai 1 dopo Dallas; ad introdurre la famosa sigla Maria Giovanna Elmi.

Impossibile pensare a Piero Angela o a SuperQuark senza che sollazzino la mente le prime indimenticabili note della sigla del programma. Si tratta dell’Aria sulla quarta corda di Bach, ma interpretato dal gruppo The Swingle Singers  gruppo musicale nato in Francia nel 1962.

A spiegare il perché di questa scelta fu lo stesso Piero Angela nella puntata andata in onda il 3 luglio 2008: “È la sigla di tutti i mie programmi. La cosa cominciò nel 1977 quando a Bruxelles vidi un concerto degli Swingle Singers, un gruppo vocale che cantava musica barocca. Comprai il loro disco ed era così bello che lo usai per un programma del 1969 e da quel momento è diventato il marchio musicale di Quark”. Quella fu una puntata speciale perché il gruppo era stato invitato a partecipare al programma e quella fu la prima volta che la sigla di Quark fu cantata dal vivo dalla band che aveva rapito il cuore a Angela.

Da musicista e grande appassionato Angela intervistò poi il gruppo chiedendo informazioni sulla loro preparazione musicale e sulle scelte stilistiche.

A differenza della musica, rimasta sempre invariata, la sigla è cambiata nel corso degli anni. Nella versione del 1981 erano presenti le onde disegnate in computer grafica anni ’80 da uno dei pionieri del genere, l’americano Melvin Lewis Prueitt.

Una delle ultime apparizioni in pubblico del noto divulgatore scientifico è stata sicuramente a Foligno, che lo ha visto protagonista, il 21 maggio 2022, al grande evento “Medicus 2022: Premio Gentile da Foligno”, rassegna di eventi in memoria dell’omonimo studioso medievale, illustre medico vissuto a cavallo tra XIII e XIV secolo, considerato uno dei più grandi patologi mai vissuti, in scena a palazzo Trinci di Foligno.

Piero Angela a “Medicus: premio Gentile da Foligno” – Foligno – Palazzo Trinci

Il giornalista Piero Angela, fu premiato “per il suo contributo alla divulgazione scientifica”; Angela, allora forte dei suoi 94 anni, toccò la tematica principale che Medicus si proponeva di trattare, ovvero l’invecchiamento. Il decano del giornalismo a carattere scientifico sottolineò la trasformazione e il miglioramento dell’aspettativa di vita avvenuti nell’arco di due generazioni: si è passati infatti da una società povera e carente di medicine e cure ad una più ricca e avanzata, segnata da grandi progressi in campo sanitario. Angela ripercorse la sua lunghissima carriera, i suoi hobby, come quello di suonare il pianoforte e salutò la città di Foligno con l’auspicio di incentivare la divulgazione scientifica.