LA CIVETTA DE SCANZANO – PROF. MARIA VERA SPERANZINI

0
226

Maria Vera Speranzini è un’ insegnante della scuola media statale G. Carducci ed è anche un’ appassionata di scrittura e di poesia. La Professoressa Speranzini “dipinge” con le parole il piccolo paese di Scanzano, usando i pennelli dell’amore per questo piccolo borgo, con sfumature degli indelebili colori dei ricordi e della nostalgia…

‘Na vorda, a Scanzano, ‘na ciovetta
se guardava attorno mesta mesta
ghjiranno a destra e a manca con la capoccia
come lu boccino quanno arrìa la boccia.
Arriatu su lu tittu stu rapace
con la testa a giro, senza pace
co’ lu becco corto a uncino
e co’ l’occhji gialli color pajerino,
facìono tutti li scongiuri de nascosto
pe’ paura che la jella arrivasse presto e tosto.
Resasi conto de le segrete strategie in atto
la cioetta vulia co’ li paesani fa un serio patto:
“Io ve prometto de tirà via lesta lesta
se vui non me facete ‘na protesta
perché non vurrìo che la nomina mia
passasse lu confine, oltre lu paese mia.”
Li Scanzanesi, però, jente molto intelligente,
se misero a sintì senza fa’ e senza dir niente
perché quanno devi pija le decisioni
fonno tutti finta de esse coioni
de non esse per niente interessati
o al massimo diventà “sepolcri ‘mbiancati”!
“Io non c’ero, chi te lo ha detto?
Per me poli resta sopra quel tetto…”
Oppure
“Io non sono superstizioso
ma nel Duemila ancora ‘sto contenzioso…?”
Anche se, più de unu, de nascosto
strignìono forte, in tasca, un cornetto rusciu.
La ciovetta tua allora non sapìa più do guardasse
e manco di chi fidasse
cucì quanno vide, a Scanzano, lu primo cittadino
che alzava anche lue l’indice e lu mignolino
volò via, incavolata, verso Belfiore
e li Scanzanesi, prima spauriti, arpiarono colore!
Prof. Maria Vera Speranzini