“LA TASSA SU L’ACCIACCHI” – DI FULVIO CIROCCHI, POETA DIALETTALE FOLIGNATE

0
326

L’Autore della poesia è Fulvio Cirocchi che è stato anche direttore del mensile “Salire” ciclostilato a Belfiore di Foligno (dal 2006 al 2017). Il giornale Salire è nato nel 1944, durante la seconda guerra mondiale e dopo alternanze di interruzioni e ripartenze ha portato nei paesi limitrofi delle apprezzate notizie con altrettante piccole scenette in dialetto che regalavano un sorriso alle popolazioni di queste zone.

Fulvio Cirocchi ha scritto diversi “strambotti” ovvero dei brevi componimenti poetici, goliardici e simpatici in puro dialetto folignate.

LA TASSA SU L’ACCIACCHI

— Compa’, do’ vai tuttu tortu?!

Me tòcca Ji’ a paga” “n’antra stangata!

Ma de che se tratta?

— Ma como, no’ lo sai?! La tassa su la salute.

— Salute! Allora stai vène!

— Me piji angbi pe’ li fonnélli ?

— Mango ce penzo! L’hai ditto tu che paghi la tassa su la salute; dongui
più stai vène e più paghi!

— Ma lasseme pèrde, va’! Ma iu piuttosto, no’ la paghi?

— lo?! Ma se so’ pienu d’acciacchi!! Sarìa vella che ce vo’ a paga’ la tassa
su la saluto!

— Scherza, scherza! Po’ esse che l’armettono!

— Facéssero quello che je pare! Io dico che se se jama tassa su la salute
l’bonno da paga’ quilli che stonno vène! Quanno che la jameronno
tassa su l’acciacchi allora la jirò a pagà angh’io, e la farò paga’
anghi da la moje, che c’ha l’affannu!

— Brau! C’hai ragione! Ammò no’ la pago mango io! Co’ li sordi ce vo a
compra’ ‘na damigiana de vino……. a la salute!