“LA VORBE E LA TAJOLA DE CECCARINI” – POESIA IN DIALETTO FOLIGNATE DELLA PROF. MARIA VERA SPERANZINI

0
141

Maria Vera Speranzini è un’ insegnante della scuola media statale G. Carducci ed è anche un’ appassionata di scrittura e di poesia. La Professoressa Speranzini “dipinge” con le parole il piccolo paese di Scanzano, usando i pennelli dell’amore per questo piccolo borgo, con sfumature degli indelebili colori dei ricordi e della nostalgia…


Una vorda una vorbe fulignata
venne a Scanzano dicendo d’esse scafata:
“Guardate la pelliccia mia quant’è
roscia
penso che niciuno lo disconosca
e stu musittu mia appuntito
è un capolavoro sopraffino
per non parla de ste zampette
leste leste e anche perfette!”
Una vecchia talpa paesana
che da lu paese
non s’era mai spostata
guardava stu bellu teatrino
con occhio scarso ma genuino:
“Chi si suole tanto lodare
presto o tardi deve capitolare!”
Allora incominciò la conversazione
co la vorbe da allora chiamata “Stupore”:
“Senti un po’ cara mia vorpe straniera
che lavuru fai da la matina a la sera?
Non me sembri ‘na bella persona
se per campà fai la furbona
passando da pollaio a pollaio
portando ne le case lu scompiglio…
T’aspetto a passittu
là dove lu passu se fa strittu…!”
La vorbe tua manco l’ascordava
anzi con aria sorniona
per non sbajasse, scodinzolava…
La talpa da la sua nascosta tana
certa de sè aspettava, aspettava…
Quanno ‘na matina su lu fa jorno
sentì un baccano tutt’intorno…
La vorbe quella che dicia de esse bella e scafata
‘nta la tajola de Ceccarini era incappata…
Allora che ce nsegna sta scantafaola
a Scanzano ambientata?
Ce dice che la furbizia
ancorchè accordata co la vellezza
trova un limite, un confine, na tajola
che tra li strilli te nsegna quarchiccosa!
La talpa invece de poche pretese
applicava lu proverbio cinese:
su la riva aspetta che la vorbe
prima o poi inciampicasse
e pe migliorà lu rinnovatu paesanu teatrino
‘nta la tajola vede che cià lasciatu lu zampino!
PROF. MARIA VERA SPERANZINI