L’IMPORTANZA DEL MICROBIOTA, QUESTO SCONOSCIUTO – 2° PARTE – A CURA DEL DOTT. MORENO FINAMONTI

0
273

Il microbiota fondamentalmente ha tre funzioni: protettive, strutturali e metaboliche. Proprio le funzioni metaboliche sono quelle che interessano di più i ricercatori, poiché sono quelle che regolano l’equilibrio non solo intestinale ma di tutto il corpo attraverso la produzione di molecole chiamate metaboliti.

Dott. Moreno Finamonti

Pensate che la parte indigeribile del cibo che mangiamo viene invece digerito dai nostri batteri intestinali che forniscono metaboliti benefici come acidi grassi a catena corta e vitamine come la biotina, il folato e la vitamina K.

L’uomo inoltre ha una limitata capacità enzimatica (gli enzimi sono proteine che fanno avvenire le reazioni chimiche di digestione) che non gli consente di assimilare direttamente prodotti come amido, cellulosa e pectine; deve quindi necessariamente farsi aiutare dal proprio microbiota intestinale.

Ecco che incominciamo a vedere un aspetto fondamentale dell’interazione microbiota -ospite: senza il metabolismo dei nostri batteri noi non potremmo neanche nutrirci.

D’altra parte è anche vero che a volte questa grande capacità metabolica può essere controproducente: ad esempio, il 40% dei farmaci viene degradato dal microbiota intestinale e questo può portare alla loro inattivazione e alla loro inefficacia, ma anche alla produzione di composti tossici.

DOTT. MORENO FINAMONTI