SCANZANO DI FOLIGNO: POESIA DELLA PROF. M. VERA SPERANZINI

0
291

Maria Vera Speranzini è un’ insegnante della scuola media statale G. Carducci ed è anche un’ appassionata di scrittura e di poesia. La Professoressa Speranzini “dipinge” con le parole il piccolo paese di Scanzano, usando i pennelli dell’amore per questo piccolo borgo, con sfumature degli indelebili colori dei ricordi e della nostalgia…

Lu paese mia

Tra lu fiume e la ferrovia
un triangolo de terra è lu paese mia.
Se guardi in su poli vede’ Pale
ce nasce lo sole e poi scompare,
pocu più là vidi lu monte Serrone
vicino a la chiesa, lu Maraone
Uliveti, cespugli de more
appena sotto ci sta Verfiore.
Ma se scendi a bassu senza prescia
te trovi subbito a Lavecia.
Da l’altra parte, oltre San Jiovanni
lu Tregghju co’ la Valle
da ‘na parte la Castellina
de là Vegnole sempre in collina.
Ma se stregno lu sguardu ‘nta ‘na mano
ecco che ve porto a lu paese mia: Scanzano.
Li titti non ci’honno la stessa ardezza
e manco li muri la stessa larghezza,
le finestre appisolate
due o tre belle scalinate
case come li sordati ‘nta lu fronte
un muru antico a ricordo de ‘na fonte .
Due o tre viculi in successione
abbilliti pe’ la processione
‘na Madunnuccia ghjio’ pe’ la Canale
Della Robbia pare ricordare.
‘Na piattaforma dietro la stazione
‘na panchina pe’ pia’ lo sole.
‘Na loggetta antica
qualche strada in salita
un picculu frammentu de’ campanile
qualche fiju ‘nta lu cortile.
Un viale mezzu alberatu
un carneficiu da foto antiche ricordato.
Poche terrazze verso lu tramonto
a me me piace e me ne vanto
un ponte strittu pe’ ghji de là
un presepe vivente da ricorda’.
“Addio Italia schifosa…”
ve dice quarchiccosa?
Ricorda li tempi de la guerra,
dell’emigrazione
a centinaia oltre la stazione
“A Lavecia vo a lavora’…”
Ma era Scanzano in verità